Verifica automatica dei diplomi dei candidati

Perchè validare i diplomi sul CV?

Mentre la verifica dei diplomi e delle esperienze professionali è una pratica quasi sistematica nel mondo anglo-sassone o in Germania per esempio, dove è per altro sempre richiesto di allegare una copia dei preziosi documenti, non é cosí comune in Italia. Di conseguenza, i recruiter italiani hanno visto il numero dei Cv ingannevoli aumentare nel corso degli anni, rendendo poco a poco tale fenomeno una questione importante e problematica nel processo di recruiting. E’ la stessa constatazione fatta anche da numerosi studi che stimano che in media almeno il 30% dei CV presentino dei diplomi in forma inesatta o impropria.

Lungi dall’esser isolato, tale fenomeno ha invece tendenza a crescere. I pochi casi regolarmente pubblicizzati, come quello di un direttore alle vendite che aveva inventato un’esperienza passata determinante per la sua assunzione, indicano che tutti i settori possono essere potenzialmente coinvolti e ad ogni livello. Nel caso di professioni regolamentate che richiedono il possesso di un diploma per esercitarle, come quelle di avvocatura, architetto o esperto contabile, gli usurpatori possono rischiare fino a 3 anni di prigione e 45 000 euro di multa.

Quali sono i rischi?

Per i selezionatori incaricati di trovare un profilo che corrisponde al meglio alle esigenze dell’azienda, la proliferazione di falsi diplomi e curricula truccati complica il compito di verifica e aumenta il rischio di assumere qualcuno inadatto alla posizione lavorativa.

Secondo l’importanza di quest’ultima e le missioni che vi sono collegate, ciò può impattare durevolmente il quotidiano e le attività dell’impresa nel breve e lungo periodo, poichè vi troverete con qualcuno che non è in grado di realizzare a pieno gli obbiettivi fissati e può in certi casi nuocere ai colleghi o impedirgli di fare correttamente il loro lavoro.

Per le posizioni a rischio o sensibili, c’è in gioco la sicurezza dei dati dell’azienda e delle persone nel caso in cui l’impiegato recentemente assunto risulti inadatto a seguire il protocollo. Infine, nell’ipotesi in cui scopriate la verità, bisogna tenere in conto il costo e il tempo da reinvestire in un nuovo processo di ricerca e selezione del personale.

Gestmax partner di Verifdiploma

In partenariato con Verifdiploma, GestMax integra un modulo che vi permette di verificare automaticamente i diplomi e le certificazioni dei candidati. Con una banca dati di più di 3,5 milioni di diplomati così come più di 350 convenzioni firmate con stabilimenti e grandi istituti per l’insegnamento superiore, Verifdiploma è il leader del mercato nell’autentificazione e nella verifica dei diplomi. Tale garanzia di sicurezza supplementare è accessibile direttamente a partire dall’interfaccia GestMax.

¹ : http://www.lemonde.fr/emploi/article/2015/12/10/licencie-pour-faute-grave-pour-avoir-menti-sur-son-cv_4829266_1698637.html